CONVEGNO
Le novità 2020 in materia tributaria: tra inasprimenti delle sanzioni penali e maggiori adempimenti a carico di professionisti e imprese

Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts - Via Alberto Cadlolo, 101 - 00136 - Roma
14 febbraio 2020  |  15:00 - 19:00 

Nel convegno, organizzato dall'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma in collaborazione con la Fondazione Telos, verranno affrontate le misure contenute nella Manovra di bilancio 2020 sulle quali si sta concentrando il maggiore interesse degli operatori e che presentano gli aspetti problematici più rilevanti.
Si tratta, innanzitutto, di quelle riguardanti le sanzioni penali in materia tributaria, concernenti: la riduzione delle soglie di evasione, l’introduzione, per i reati più gravi, della cd. “confisca per sproporzione”, l’inserimento dei delitti tributari nell’ambito dei reati presupposto per l’applicazione della disciplina sulla responsabilità degli enti, l’estensione ai delitti di dichiarazione fraudolenta per operazioni inesistenti e altri artifici della causa di non punibilità conseguente al pagamento integrale degli importi dovuti per effetto del ravvedimento operoso. Queste misure saranno illustrate da Maurizio Leo, professore della SNA, e da Alessandro Langella, ufficiale della Guardia di finanza in servizio presso l’ufficio legislazione del Comando Generale.
E’ stata poi introdotta, a partire dal 2020, una specifica e dettagliata procedura di coinvolgimento dei sostituti d’imposta committenti nel versamento delle ritenute dovute dalle imprese appaltatrici, affidatarie e subappaltatrici per gli emolumenti erogati ai lavoratori direttamente impiegati nell’esecuzione di commesse di importo complessivo annuo superiore a 200mila euro. La procedura risulta abbastanza farraginosa e foriera di numerosi dubbi, che saranno analizzati da Giovanni Battista Calì, presidente della Fondazione Telos.
Sono state, altresì, previste, sempre a partire dal 2020, misure di contrasto alle indebite compensazioni, stabilendo anche che il debito tributario oggetto di accollo non può essere estinto utilizzando in compensazione i crediti erariali dell’accollante. Le criticità di queste ultime misure saranno affrontate da Alberto Santi, presidente della Commissione operazioni straordinarie dell’Ordine.

Programma e iscrizioni